Gran Bretagna: i Sindacalisti contro l’Unione europea accolgono positivamente il discorso di Jeremy Corbyn sull’Unione europea

Questo 26 febbraio, il leader del Labour Party Jeremy Corbyn è intervenuto sulla delicata questione della Brexit, sciogliendo molti dei nodi che generavano ambiguità sulla sua posizione nel merito e, nei fatti, confermando la sua volontà di guidare la Brexit imponendole una svolta decisamente progressista. Ospitiamo l’intervento di Doug Nicholls, presidente dei Sindacalisti contro l’UE, commenta il discorso di Jeremy Corbyn sull’Unione Europea, trovabile a questo link.

* * *

I sindacalisti contro l’Unione europea (TUAEU) hanno salutato positivamente il discorso di Jeremy Corbyn a Coventry che ha delineato l’approccio del Partito laburista alla Brexit, ricostruendo e trasformando la Gran Bretagna con un nuovo spirito internazionalista.

Coventry ha sopportato il peso maggiore dell’attacco di Thatcher e il suo approfondimento dell’adesione all’UE. La Thatcher ha distrutto più posti di lavoro industriali a Coventry di quanto Hitler abbia fatto con i bombardamenti e l’UE ha abilmente favorito questa distruzione sovvenzionando le aziende per spostare le fabbriche fuori dalla città verso aree a basso salario dell’UE.

Coventry simboleggiava le sorti dell’intero paese, un laboratorio del mondo trasformato in una rete di banche del cibo durante il periodo di adesione all’UE.

Dato che 27 paesi dell’UE in totale esportano più di quanto importino dagli UK, siamo in una posizione molto forte nei negoziati. Hanno bisogno di noi di più di cui noi abbiamo bisogno di loro per il commercio.

Perché la fenice nazionale si levasse dalle ceneri, come successe già a Coventry, il leader dell’opposizione ha riconosciuto che la voce del popolo nel referendum deve essere onorata. Stiamo lasciando l’UE, anche se non ovviamente l’Europa- non puoi lasciare una massa di terra.

Come internazionalisti vogliamo un’economia moderna, altamente qualificata e a piena occupazione in Gran Bretagna che ci consenta di invertire il deficit della bilancia commerciale con l’UE e operare equamente in tutto il mondo aprendo nuovi mercati, una volta nutrita adeguatamente la nostra stessa popolazione.

La nostra attuale appartenenza al mercato unico non consente il riequilibrio della nostra economia nei confronti della produzione. La nostra attuale appartenenza all’unione doganale dell’UE ci lega ad accordi commerciali che, per esempio, strangolano la produzione alimentare africana.

I fondi che forniamo ogni anno come contributore netto all’UE devono essere urgentemente dedicati a reinvestire nei nostri servizi pubblici.

I nostri impegni di pace in tutto il mondo richiedono che siamo liberi dalla crescente militarizzazione e dalla spesa per le armi dell’UE, come evidenziato nei suoi recenti accordi PESCO.

Come movimento laburista che ha unito molto la Gran Bretagna, vogliamo porre fine alle divisioni e tentare la disgregazione del paese che abbiamo creato riconoscendo che i bisogni dei lavoratori in Cornovaglia, Cardiff e Glasgow sono condivisi e la contrattazione collettiva dovrebbe avvantaggiarci tutti ugualmente con sindacati restaurati e diritti del lavoro.

L’UE, una struttura aziendale che promuove il regionalismo, ha danneggiato la nostra unità nazionale e ha incoraggiato lo strappo dei diritti dei lavoratori e della contrattazione collettiva in tutto il continente.

Come Jeremy Corbyn dice “una relazione su misura e negoziata propria” con l’UE e il resto del mondo e agenzie specializzate legate alla regolamentazione e ai progressi nella produzione, saranno necessarie protezioni dei consumatori rispettose dell’ambiente e salutari.

Una volta ottenuta l’indipendenza nazionale per raggiungere questo obiettivo, saremo in grado di garantire che tutto ciò sia fatto con gli interessi della nostra economia e di tutti i lavoratori. Quindi più breve è il periodo di transizione dall’UE, meglio è.

La chiara determinazione del leader del partito laburista a reinvestire nell’economia britannica, nelle sue industrie moderne e nei trasporti e infrastrutture di servizi pubblici e pubblici, dovrebbe portare a un piano di sviluppo del mercato del lavoro e delle competenze che contribuirà a fermare il drenaggio di altri paesi europei molto bisogno di manodopera qualificata.

Altri paesi in Europa, specialmente nel sud e nei recenti Stati di adesione, hanno disperatamente bisogno di diventare forti. Una politica di immigrazione decente sarà collegata a questo piano a casa.

Qualunque siano le questioni che dovremo affrontare in questo difficile periodo, Jeremy Corbyn ha messo sinteticamente in parole chiave: “La Brexit è ciò che facciamo insieme.“

Jean Claude Junker non può ricostruire la Gran Bretagna con il suo esercito di lobbisti aziendali a Bruxelles, solo i britannici possono farlo e l’ispirazione che daremo ad altri in questo processo mentre finiamo gli anni di austerità e gioco d’azzardo finanziario con il nostro lavoro e l’economia sarà una grande espressione del nostro vero internazionalismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...